caduta dei capelli

Perdere i capelli, anche un centinaio al giorno per le chiome più folte, è normale. Quello che si deve tenere sotto controllo non è quanti capelli si perdono, ma quanti ne ricrescono. Se la capigliatura mantiene la stessa qualità nel tempo non si ha motivo per preoccuparsi: i capelli persi saranno rimpiazzati dalla crescita di nuovi.

LE CAUSE DELLA PERDITA DEI CAPELLI

I fattori scatenanti della caduta dei capelli sono diversi per uomini e donne.

Nell’uomo sono soprattutto ereditarie, legate all’alopecia androgenetica. I capelli si diradano soprattutto su fronte, tempie e parte anteriore del capo. L’alopecia androgenetica è dovuta al cattivo funzionamento dell’enzima 5-alfa-reduttasi che non riesce a sintetizzare correttamente un ormone androgino, il diidrotestosterone (detto DHT), con la conseguenza di far crescere capelli sempre più sottili e deboli.

La caduta dei capelli nella donna è legata invece a cambiamenti di stile di vita (stress e fatica) o a cambi ormonali (menopausa, post-gravidanza). In particolare durante la menopausa il corpo subisce radicali trasformazioni: il calo del livello di ormoni femminili, in particolare degli estrogeni, provoca un improvviso aumento degli androgeni che, come abbiamo visto, sono collegati all’alopecia androgenetica.

COME CONTRASTARE LA CADUTA DEI CAPELLI

  1. Evitare detergenti  aggressivi.
  2. Scegliere uno shampoo specifico per capelli sottili e delicati. Inoltre:
    • Evitare di lavare i capelli ogni giorno, perché così facendo si impoverisce lo scudo protettivo capillare, formato da un film idrolipidico che difende la fibra dalle aggressioni esterne.
    • Evitare le alte temperature, sia durante il lavaggio sia nell’asciugatura. Il calore secca ulteriormente la chioma!
  1. Una volta a settimana fare uno scrub e una maschera. Lo scrub ripulisce il cuoio capelluto da eccesso di sebo e impurità, rivitalizzando il bulbo pilifero, mentre maschere e impacchi gli danno un boost nutritivo.
  2. Curare l’alimentazione: proteine, vitamine e oligoelementi sono un valido aiuto per la salute generale della chioma.Carne, pesce, fegato e alcuni tipi di verdure sono ricchi di quegli aminoacidi che costituiscono la cheratina (principale componente del capello). Se la tua dieta ne è povera, puoi compensarla con integratori a base di aminoacidi come metionina, arginina, cisteina, coinvolti nella sintesi della cheratina.
  3. Massaggiare il cuoio capelluto: migliora la circolazione sanguigna e quindi l’apporto di nutrienti ai bulbi piliferi.
  4. Spuntare i capelli ad eliminare le estremità rovinate. Non serve tagliare molto, solo rimuovere la parte troppo danneggiata.

Se si ha prurito alla testa, cute grassa, forfora, arrossamenti e dolore del cuoio capelluto è il caso di fare un’analisi tricologica per valutare lo stato di salute della tua capigliatura.

La nostra farmacia offre la possibilità di eseguire un’analisi del capello gratuita in pochi minuti, grazie ad un’innovativa strumentazione tramite un dispositivo Soft Plus, in grado di misurare parametri fondamentali per stabilire la salute e il benessere del cuoio capelluto.

Giovedi 25 marzo ti aspettiamo presso la Farmacia Distefano per un check-up gratuito del capello!

Prendi subito un appuntamento e non esitare a contattarci per maggiori informazioni!